Notizie

Una selezione di notizie dall'Italia e dal mondo relativo ai cereali, con particolare attenzione al riso.


Riso cambogiano “fragrant”?

L’Unione europea ha chiesto maggiore attenzione da parte della Cambogia sul riso fragrant esportato verso l’UE perché risulta che il prodotto sia stato miscelato con riso convenzionale.
Il presidente della Cambodia Rice Federation ha dichiarato che la federazione ha lavorato per settimane per risolvere la questione e ha deciso di  avvalersi di ispettori internazionali. 
Mr. Vanhan, vice direttore generale del ministero dell’agricoltura in Cambogia, ha dichiarato che le segnalazioni dell’UE sono state prese in seria considerazione e che il settore privato deve mostrare la propria volontà e onestà al cliente per non perdere il mercato comunitario.
“Stiamo chiedendo all’UE di ricontrollare il riso lavorato in arrivo o di assegnare ad una terza parte il controllo del DNA per determinare se il riso cambogiano è al 100% fragrant oppure si tratta di una miscela” ha dichiarato Song Saran, Amministratore delegato di Amru Rice Cambodia.
“Di solito, il riso di buona qualità contiene come minimo riso fragrant tra l’80 e l’85%, mentre si tratta di riso miscelato se ne contiene circa il 55%. Dobbiamo controllare se si tratta di riso miscelato,” ha dichiarato Mr. Saran.
Ha aggiunto che il settore privato ha già mostrato la propria onestà, ma risultano una o due aziende che non seguono le regole.
“Non possiamo garantire che tutti i membri del CRF siano onesti, ma disponiamo di leggi, politiche, codici di condotta che, se non rispettati, determinano come minimo il ritiro delle licenze di esportazione,” ha dichiarato Mr. Saran.
Il testo integrale dell’articolo, in lingua inglese, è disponibile al seguente link: articolo

Fonte:Enterisi.it                                 Data:14/5/2016

Massimo Gregori

About Massimo Gregori

  •  

Leave a Comment